E’ un medolaghese il nuovo presidente dei giovani imprenditori di Confindustria Bergamo. Alessandro Arioldi è stato eletto durante l’ultima assemblea che si è tenuta presso il Kilometro Rosso.

Giovani imprenditori del Confindustria Bergamo, a capitanarli sarà il fondatore della Easytec

A soli 36 anni ha raggiunto moltissimi traguardi, a partire dal premio di riconoscimento al lavoro e al progresso economico, della Camera di Commercio di Bergamo, ottenuto nel 2014. Partito da un piccolo studio, ricavato nella casa dei nonni, negli anni è riuscito a farsi strada. E oggi è amministratore, nonché fondatore, della Easytec, srl con sede proprio a Medolago, società che dà lavoro a diversi dipendenti.

“Sognavo di fae il veterinario”

«Come tanti bambini, da piccolo, sognavo di fare il veterinario – ha rivelato il giovane imprenditore – Durante gli ultimi anni delle superiori, mente studiavo informatica, ho avuto invece l’opportunità di svolgere, nel periodo estivo, un tirocinio presso un’azienda informatica di Bonate. Ed è lì che è nata la mia passione. Nel 2000 mi sono diplomato e da quel giorno il mio percorso è stato una continua crescita».

La tecnologia come lavoro e passatempo

Tecnico, programmatore ed informatico, Arioldi, si appassiona al mondo delle tecnologie tanto da farlo diventare sia un lavoro che un passatempo. «Inizialmente facevo qualche piccola riparazione ai computer di amici e parenti – ha raccontato – Negli anni mi sono reso conto che i clienti continuavano ad aumentare. Per questo motivo, con un ragazzo incontrato durante un progetto comune e con un compagno di banco delle superiori, abbiamo aperto Easytech, con sede a Medolago. L’inizio è stato romantico, se così vogliamo definirlo, utilizzavamo la casa dove hanno vissuto i miei nonni. Nel tempo lo abbiamo riqualificato e ad oggi la sede principale della società è rimasta sempre in quell’immobile. Entro la fine di giugno ci trasferiremo in una nuova struttura, acquistata a Suisio: un traguardo per noi importante che segna quanto di buono abbiamo costruito».

I traguardi lavorativi

Il percorso di Arioldi è stato brillante, ma non certo semplice. «Nei primi anni ci occupavamo sia degli aspetti hardware dell’informatica sia dell’ambito software. Nel 2015 abbiamo deciso di creare una seconda società, Nexapp, che si occupa esclusivamente di soluzioni software in modo da separare queste due competenze. Entrambe le realtà contano complessivamente ad oggi circa trenta persone».
Nonostante questi nuovi progetti Alessandro Arioldi e il suo team sentono di poter fare di più per la loro giovane impresa. Per questo motivo alcuni anni fa hanno deciso di fondare Opstart. «Ricevevamo molte richieste da Start Up con idee interessanti per lo sviluppo di nuovi software ma, come molti giovani, senza le risorse economiche per farlo – ha spiegato – Per questo motivo abbiamo deciso di creare una terza realtà, Opstart, ovvero un portale di equity crowdfunding per raccogliere fondi ed investire in Start Up innovative. Ad oggi siamo il terzo portale italiano per rilevanza. Alcune di queste idee ci piacevano particolarmente e abbiamo creato una holding, Msn Capital, per investire a nostra volta in progetti creativi ed innovativi».

Leggi anche:  Politecnico, ecco i vincitori delle borse di studio FOTO

Confindustria come punto di partenza

Tra i traguardi raggiunti, il più recente è stato l’elezione a presidente di Confindustria giovani. Un successo che può anche essere visto come punto di partenza. «Confindustria è un percorso che per me dura da anni. Quando mi sono iscritto ero certo che il mondo associativo industriale avrebbe potuto darmi quello di cui avevo bisogno e cioè la formazione per essere un buon imprenditore. Diventare il presidente del gruppo Giovani imprenditori di Confindustria Bergamo mi permetterà di trasmettere tutto ciò che ho imparato ad altri giovani. Il gruppo è molto affiatato e ha tanta voglia di fare e di crescere. Sento di essere in un periodo storico particolarmente buono ed interessante. Sicuramente si fa fatica a costruire imprese come una volta ma è proprio da questo come una volta che dobbiamo staccarci».

“Investiamo nella fomazione”

E’ con entusiasmo che Arioldi intende affrontare le sfide del futuro. «Sono consapevole del fatto che ci sono alcune figure che faticano a trovare lavoro. E’ necessario investire nella formazione personale. Sicuramente i giovani devono aprirsi ad opportunità di lavoro a cui non avrebbero mai pensato. Vorrei dare un consiglio soprattutto ai giovanissimi: prestate particolare attenzione alle materie scientifiche e tecnologiche, perché ci sarà sempre più richiesta di personale che si applichi in queste competenze. Nella Bergamasca, ad esempio, stanno nascendo sempre più incubatori o acceleratori d’impresa, creare aziende oggi è possibile».

La ripresa nell’Isola

La ripresa, in parte, sta coinvolgendo anche l’Isola e anche in questo territorio le grandi aziende però richiedono figure sempre più specializzate. «Con l’avvento di Aruba, a Ponte San Pietro, anche il settore informatico sta prendendo piede. Stiamo andando verso un mercato sempre più competitivo dove vengono premiate le professioni specializzate e le competenze trasversali. E’ ovvio che non è sempre tutto rose e fiori, ma c’è ottimismo».

La ricetta per il successo

Il segreto per avere successo è in realtà composto semplici ingredienti. «Ci sono alcuni aspetti che ritengo doveroso sottolineare – ha affermato Arioldi – E’ fondamentale circondarsi di persone competenti, che credano nel tuo progetto, ti sostengano e ti aiutino a portarlo avanti. Persone che devono ricevere formazione continua e che devono lavorare in un clima di benessere. Dal punto di vista economico, altro aspetto importante, il mio consiglio è quello di reinvestire gli utili della società. Si deve poi imparare a delegare e sapere modificare l’azienda in funzione del mercato, avere ampia flessibilità. Questo è il motivo per cui il nostro motto è innovare per competere».