Risultati decisamente soddisfacenti per il Consorzio Adda Energia di Api Lecco che ha presentato i dati del 2017: gestiti, per quanto riguarda le forniture elettriche, 330 siti di prelievo per un consumo complessivo di oltre 250 milioni di kilowattora.

 

Consorzio Adda Energia, attività del 2017

Grazie alla strategia lungimirante e alle oculate scelte contrattuali del Consorzio Adda Energia, nel 2017 le aziende con struttura a prezzo fisso hanno beneficiato di una significativa riduzione della spesa per la componente energia rispetto al precedente anno. Per le utenze con contratto gestito invece il Consorzio è riuscito, nonostante un singolare innalzamento delle quotazioni del mercato all’ingrosso italiano, a contenere gli effetti di tale dinamica. Questo aumento è stato causato dal rialzo dei principali mercati internazionali connessi, con particolare riferimento a quello francese, dove il ritrovamento da parte dell’autorità di sicurezza di componenti difettosi in alcune centrali ha avviato una brusca risalita delle quotazioni fino a raggiungere, sul mercato italiano, un incremento di ben 10 Euro Megawattora.

 

Oltre la negoziazione: il supporto tecnico

Parallelamente all’attività di negoziazione rivestono sempre maggiore rilievo le attività di supporto e consulenza sulle problematiche energetiche, incluso l’aggiornamento costante sulle disposizioni tecnico-giuridiche che regolano il settore. Il Consorzio mette infatti a disposizione la competenza dei propri professionisti per fornire informazioni relativamente a tutte le pratiche per nuovi allacciamenti, volture, subentri e adeguamenti di potenza, senza trascurare i controlli sulla correttezza dei principali elementi di costo riportati in bolletta.

Leggi anche:  Si apre uno spiraglio per Aerosol

Dentro la bolletta: il peso degli oneri

Lo scorso anno gli oneri di sistema sono stati connotati da un segno negativo, seppur di lieve entità, rispetto al 2016 ma hanno comunque avuto grande incidenza sulle fatture delle aziende. Gli importi che le imprese aderenti al Consorzio hanno infatti sostenuto nel 2017 per finanziare progetti a sostegno delle energie rinnovabili ammontano ad oltre 13,5 milioni di Euro.

 

Bonfanti: “Serve una politica energetica”

“Il tema dell’energia è spesso messo in secondo piano. Non dobbiamo dimenticare che senza energia non c’è impresa e quindi non c’è lavoro. È necessaria una politica energetica strutturata ed efficace, che risponda alle esigenze delle Pmi favorendone la competitività – ha dichiarato il rinnovato Presidente del Consorzio Adda Energia, Ambrogio Bonfanti della Metalreti Felice Bonfanti di Brivio – I nostri sforzi come Consorzio dimostrano che l’acquisto collettivo di energia e gas riesce ad ottenere risultati non raggiungibili da una singola utenza. Tuttavia i benefici ottenuti avrebbero potuto essere ancora maggiori senza l’importante incidenza degli oneri presenti in bolletta e non oggetto di trattativa, che rappresentano oltre il 65% del costo totale”.