È iniziata nella mattinata di sabato, da piazza Cermenati di Lecco la Salewa Ironfly  che terminerà sabato prossimo 19 maggio a Suello. Organizzata dal club parapendio Sgurbatt, i 23 atleti arrivano da Svizzera, Francia, Austria, Germania , Belgio, e Italia. Gli atleti, sono partiti per il monte Cornizzolo, poi sono decolalti per Macugnaga, quindi, Monte Rosa, Bormio, la Presolana ed infine l’arrivo a Suello. Per il volo, meteo permettendo, altrimenti cammineranno per raggiungere le mete stabilite.

Salewa Ironfly

«Se non riesco a correre come i più forti, cammino. Se non riesco a camminare, striscio. Se non riesco a strisciare, mi trascino. Ma non voglio stare fermo».  Alfio Ghezzi, chef-pilota, riassume così, quando la seconda giornata di “Salewa Ironfly” è appena iniziata, lo spirito che dà sostegno al corpo. La pioggia e la grandine, con le nubi basse che il mattino si alzano dalla terra umida, obbligano gli atleti in gara a camminare per ore, inseguendo una finestra di bel tempo, in cerca di un decollo, che in molti non riescono a raggiungere.

Leggi anche:  BikeUp a Lecco il festival della pedalata assistita VIDEO

Mario Stojanovic