Domenica scorsa a Premana grande festa per il coro Nives

Il coro Nives ha celebrato con il sindaco Elide Codega

Grande festa domenica scorsa per il coro Nives che ha celebrato 60 anni di intensa attività. La giornata è iniziata in cimitero per ricordare i coristi defunti ed è poi proseguita nella chiesa parrocchiale  di San Dionigi per la messa festiva. La formazione ha indossato per la ricorrenza le nuove divise.

Il presidente Stefano Gianola

Ha detto il presidente Stefano Gianola: “Sono stati festeggiati 60 anni di Fondazione. Ringrazio per le emozioni vissute e i traguardi raggiunti  guardando al futuro: Grazie ai tanti giovani che cantano nel coro, ai rappresentati delle associazioni e al Sindaco Elide Codega. E grazie al Maestro Francesco Bussani, nuovo direttore del Nives”.

I premiati

Sono stati premiati per i traguardi raggiunti i seguenti membri del Coro Nives:

  • Nastro d’argento (25 anni): Teresina Bellati (consigliere), Giancarlo Gianola, Federico Gianola, Roberto Gianola e Saul Gianola.
  • Nastri d’oro (40 anni): Nicola Bertoldini, Antonio Fazzini, Carlo Fazzini.
  • Targhe (50 anni): Bernardino Bertoldini, Benedetto Codega, Cesare Gianola, Claudio Gianola, Dionigi Gianola, Emanuele Gianola, Carlo Tenderini.

Un riconoscimento floreale è stato consegnato alla fotografa Ramona Fazzini per aver accompagnato il Coro nel corso di tutto il 2017 realizzando foto e video.

Il coro Nives è stato fondato il 1 maggio 1957

La formazione è nata il 1 maggio 1957 da un gruppo  di amici che nel dopoguerra ha cominciato a riunirsi per dare sfogo alla comune passione per il canto popolare corale.  Subito sono iniziate  le prime esibizioni in paese e poi anche a Dervio per la festa dei lavoratori. Negli anni sessanta ci furono le prime difficoltà superate sul finire del decennio, con l’arrivo del nuovo maestro Francesco Sacchi.

Leggi anche:  Festa Natale a Barzanò due giorni con la Pro Loco

Il coro alpino Nives

Cambiò  anche il nome in Coro Alpino Nives. Gli anni 70 hanno visto una nuova divisione dei compiti, con la separazione tra dirigenti e coristi, per una maggiore efficienza. Arrivarono le prime collaborazioni locali con gli scrittori (Antonio Bellati), la prima vittoria ad un concorso a Lecco con una canzone in dialetto sardo.

La visita a papa Giovanni Paolo II

Inoltre negli anni 80 da segnalare la visita al pontefice Giovanni Paolo II e la partecipazione ad un festival in Belgio per i 25 anni di fondazione. E poi la messa cantata al duomo di Milano ed alcune canzoni incise sono state solo alcuni tra i tanti momenti indimenticabili. Negli anni 90 crebbe a dismisura l’impegno internazionale e si strinsero numerosi gemellaggi e scambi culturali con cori di tutta Europa. Ci furono  concerti a tema con prosa e poesia e venne inciso un prezioso cd per il quarantesimo. Negli anni 2000 è stata fatta molta solidarietà (anche per la frana di Bindo) ed il repertorio si è arricchito con brani d’autore e nel 2007  venne festeggiato il 50° con la presenza di un membro fondatore.