L’operatore sanitario è caduto dal secondo piano del Manzoni

Tra le ipotesi al vaglio della Procura anche quella del gesto estremo

Un operatore sanitario che lavorava da anni nel reparto di Chirurgia è stato trovato morto questa mattina intorno alle 7.20. L’uomo, 41 anni domiciliato nel Lecchese era giunto al nosocomio cittadino per incominciare il turno delle 7. I colleghi non trovandolo hanno iniziato a cercalo ovunque.  Fino a quando qualcuno ha notato la porta  finestra – che si affaccia su un  terrazzo del reparto di Chirurgia – aperta e ha  pensato bene di controllare.

L’operatore sanitario era riverso a terra

Quando il collega ha guardato verso il basso ha visto l’infermiere riverso a terra. Immediati sono partiti i soccorsi, ma per il 41enne non c’era ormai più nulla da fare. La Procura di Lecco, informata dei fatti ha aperto un fascicolo per chiarire la dinamica  anche se l’ipotesi più probabile sembra essere quella di un gesto estremo. Al momento il corpo del 41enne è stato posto sotto sequestro in attesa di ulteriri accertamenti.