Si è tenuta oggi, nel giorno della Festa della Liberazione, l’inaugurazione  della Chiesina Madonna della Neve. Una giornata dedicata al ricordo del partigiano casatese Guglielmo Pennati e allo stesso tempo un’occasione per aprire le porte della chiesina appena ristrutturata.

Inaugurazione della Chiesina Madonna della Neve

Taglio del nastro per la chiesina Madonna della Neve. Oggi, 25 aprile, la chiesina di Valaperta ha, infatti, aperto ufficialmente le sue porte. Dopo mesi di un duro e attento lavoro di resaturo delle facciate esterne e degli affreschi interni. Un progetto che è stato reso possibile dall’azione congiunta della Parrocchia, dell’amministrazione comunale e del gruppo Alpini di Casatenovo.  Ad aprire, quindi, la cerimonia di inaugurazione sono state, come di consueto, le parole del sindaco Filippo Galbiati. Che ha ringraziato tutti i presenti ed in particolare il gruppo Alpini e le imprese casatesi Montanelli e Colorificio Limonta, che hanno contribuito gratuitamente al restauro della chiesa. Presenti alla cerimonia anche i rappresentanti dell’Anpi, diversi consiglieri comunali e i familiari di Guglielmo Pennati. Il partigiano casatese barbaramente ucciso a Premana nel 1944. Terminati i ringraziamenti si è passato al momento più atteso della cerimonia. Il fratello di Guglielmo Pennati, insieme al primo cittadino casatese, hanno quindi proceduto al taglio ufficiale del nastro. Seguito, poi, dalla celebrazione della messa ad opera di don Antonio Bonacina, in suffragio del partigiano casatese.

Leggi anche:  Valanga in Valdidentro: soccorsi in azione