“Dopo la frana della Strada Provinciale Sp65 Varenna – Esino – Parlasco ieri un’altra frana a Pagnona. Il nostro territorio sta andando a pezzi per mancanza di manutenzione, e la colpa è di chi ha svuotato le provincie di capacita’ di spesa”. E’ furente il conisgliere regionale della Lega Flavio Nogara dopo il preoccupante smottamento di ieri sulla Sp 67.

Ancora una pericolosa frana

“La prima sta trovando rapida risoluzione, una settimana dopo il mio interessamento Regione Lombardia, al tavolo convocato con la presenza dei colleghi Piazza e Straniero, dei sindaci dei territori coinvolti e della Provincia, ha comunicato la messa a disposizione delle risorse necessarie per la messa in sicurezza del tratto e la provincia a giorni potra’ così partire con il bando” prosegue Nogara .” Per la seconda stiamo verificando esattamente la situazione per valutare l’intervento più idoneo per poter riaprire la strada in sicurezza nel più breve tempo possibile”.

Serve una mappatura delle strade più pericolose

“Al tavolo regionale con i dirigenti dell’assessore Terzi, ora la partita è passata al tavolo dell’assessore Foroni, la Provincia di Lecco sapendo di dover sostenere la spesa dell’intervento per competenza, ma non avendo disponibili le risorse finanziarie, intendeva chiedere alla Regione un prestito per questa spesa, ma l’ente regionale è riuscito a trovare le risorse per sgravare la Provincia di questo onere” conclude nogara. “A fronte di questo ho chiesto con forza alla Provincia di assumersi l’impegno di mappare le strade più pericolose, e ce ne sono parecchie…, facendo dei sopraluoghi e segnalando con ordine di pericolosita’ i tratti che necessitano di ulteriori interventi di manutenzione, abbiamo strade contornate da rocce che si stanno frantumando, con evidenti pericoli per chi vi transita, perché per intervenire non bisogna aspettare che cadono le frane ma bisogna programmare le manutenzioni. La Provincia non ha soldi? Cominci a presentare in Regione questa mappatura e valutiamo insieme le priorita’ e le modalita’ d’intervento”.