Droga a Merate, ecco la via crucis dei tossici. A pochi passi dal Laghetto di San Rocco avviene un fenomeno inquietante. C’è un un sentiero nei boschi che conduce ad  luogo  dove si consuma (e forse si spaccia) la droga.

Droga a Merate

A terra, in una radura nei boschi alle spalle dell’Osservatorio di Merate, tra la fine di Cassina Fra’ Martino e la frazione imbersaghese di Sabbione, ci sono segni inequivocabili di una presenza umana. Ma  ma soprattutto di grande disagio. Spazzatura, coperte, giacigli e confezioni di siringhe

Lo strano via vai

Sono mesi e mesi che quell’andirivieni continuo di gente di “ogni età e colore”, a piedi, in auto o in moto, ha attirato l’attenzione dei residenti. Impossibile del resto non notare che in alcuni giorni i boschi sotto le loro case si popolano inspiegabilmente. Si riempiono  soprattutto di gente che niente ha a che vedere con i numerosi podisti che amano passeggiare in quelle zone. I residenti della zona hanno segnalato questi movimenti sospetti sia agli agenti della polizia locale che ai carabinieri.

Leggi anche:  Donna scomparsa ad Alzate: ricerche in corso

 

L’ampio servizio con tutte le foto e le testimonianze sul Giornale di Merate in edicola dal 30 gennaio