Torna il fenomeno dei cani avvelenati nei boschi di Casatenovo. Un altro episodio si è infatti verificato ieri, mercoledì, nella mattinata.

Cani avvelenati a Rogoredo

Dopo gli episodi accaduti alcuni giorni fa, conclusi fortunatamente senza gravi conseguenze, ieri si è verificato un nuovo caso. Un setter che passeggiava lungo i sentieri di Rogoredo insieme al suo padrone, ha infatti ingerito un boccone avvelenato con della sostanza tossica. Probabilmente la stricnina. L’animale, attorno alle 11, è stato portato alla Clinica Valcurone di Lomaniga, dove lo staff del dottor Alberto Casartelli si è preso cura dell’esemplare di cane da caccia. Che è ancora ricoverato, anche se di fatto fuori pericolo. “Non sappiamo con certezza se si tratti di stricnina, sicuramente è stato usata una sostanza particolarmente tossica. L’animale non si è ancora ripreso del tutto, ma è di fatto fuori pericolo” ha spiegato il noto medico veterinario.