Auto ribaltata con tre giovani a bordo. E’ successo poco dopo la mezzanotte di domenica 25 febbraio all’ingresso della superstrada a Mapello. A prestare subito soccorso quindi altre auto che viaggiavano nella stessa direzione. Diversi giovani sul posto a vigilare in attesa dei soccorsi.

Auto ribaltata, cavi divelti

Auto capottata  e tre giovani a bordo. L’auto, una Fiat Punto, ha prima urtato contro la parete della breve galleria tranciando quindi dei cavi per poi capovolgersi in mezzo alla corsia in direzione Bergamo. Sul posto si sono fermate alcune auto a prestare i primi soccorsi segnalando quindi l’incidente a chi entrava in superstrada. Il rischio infatti di uno scontro con altri mezzi in arrivo è stato concreto trovandosi in curva ed essendo la visibilità ridotta. Sicuramente anche la pioggerellina ghiacciata ha contribuito nel compromettere la tenuta di strada del mezzo.

I soccorsi

Sul posto due ambulanze ed i Vigili del Fuoco. “Fortunatamente sono sempre rimasti coscienti. Sembrerebbe infatti si tratti solo di contusioni, speriamo” dice una ragazza fermatasi a prestare i primi soccorsi insieme ad altri amici. Uno dei tre giovani è seduto a bordo di una ambulanza sotto osservazione dei soccorritori. Gli altri due, tra cui una ragazza, sono assicurati alle barelle pronti ad essere trasportati per accertamenti. Una volta soccorsi i ragazzi tuttavia i Vigili del Fuoco sono intervenuti per mettere in sicurezza i cavi tranciati nell’impatto.

Leggi anche:  Ritrovato uomo morto tra i rovi di un bosco

Il rischio in quel punto

Molti sono gli utenti che lamentano inadeguatezza in quel punto. All’ingresso della superstrada ci si trova quasi subito in prossimità di una curva, già teatro in passato di incidenti anche mortali. Altri lamentano invece la mancanza del rispetto dei limiti di velocità. Nella notte è stato segnalato anche un altro incidente sullo stesso asse, all’altezza della terza galleria in direzione Bergamo. I mezzi che sopraggiungevano infatti sono stati invitati ad uscire allo svincolo per Bonate per permettere ai soccorsi di operare in sicurezza.