A Pontida nasce un progetto di assistenza per l’autismo. Si è conclusa quindi poco fa l’Assemblea Consortile dell’Ambito Distrettuale Isola Bergamasca. Si è infatti votato all’unanimità a favore delle linee di indirizzo sul progetto sperimentale disabili Ponte San Pietro – Pontida per il triennio 2018/2020.

Autismo, un progetto sperimentale

A Pontida nasce quindi un servizio territoriale mirato sull’autismo per la fascia di età compresa tra i 14 ed i 18 anni. La struttura sarà ricavata nei locali “ex Arci” ubicati nella Piazzetta degli Alpini, nel centro del paese, e potrà ospitare fino a 12 adolescenti. Il servizio partirà dal 1° marzo 2018. L’amministrazione renderà quindi fruibili questi locali dandoli in comodato d’uso gratuito all’Azienda Isola. Tuttavia Ponte San Pietro continuerà ad occuparsi della fascia dai 3 ai 13 anni.

Gara d’appalto

Nelle prossime settimane sarà indetta la gara d’appalto necessaria alla gestione della struttura individuando un soggetto titolato ed accreditato per operare su questa progettualità. Per il progetto  sperimentale disabili autismo Ponte San Pietro – Pontida sono stati quindi destinati, in sede di approvazione di bilancio di previsione triennale 2018/2020, ben 444.000,00 euro.

Leggi anche:  Ancora neve sul Lecchese, traffico rallentato in Val san Martino FOTO E PREVISIONI

La soddisfazione dell’assessore Paolo Corti

Tanta e tangibile è la soddisfazione dell’assessore all’Istruzione e alla Cultura Paolo Corti. Da circa 15 mesi infatti lavorava a questo progetto. Corti tuttavia è membro dell’Assemblea Consortile dell’Ambito Distrettuale dell’Isola Bergamasca grazie alla delega permanente del Sindaco di Pontida Luigi Carozzi. “Voglio ringraziare di cuore la direttrice dell’Azienda Isola, dottoressa Mina Mendola, e tutto il CdA guidato dal Presidente Danilo Riva. Ringrazio quindi l’Amministrazione di Pontida per il sostegno e la fiducia. Dedico questo risultato importante alla gente di Pontida che mi ha accolto 16 anni fa facendomi sentire tuttavia uno di loro. Tante sono le persone che vorrei ringraziare ma rischierei di dimenticare qualcuno”.