Alcol e droga alla guida: raffica di denunce da parte della Polstrada.

Troppo alcol e droga alla guida

Nella notte tra l’1 ed il 2 giugno, personale della Polizia Stradale di Lecco e Bellano ha effettuato, nell’ambito dei servizi di prevenzione alle stragi del sabato sera, più controlli in varie zone della provincia, in particolare su entrambe le sponde del lago, nonché in Valsassina. Nella setessa notte i sanitari si sono dovuti occupare di diversi giovani che avevano  accusato malori per intossicazioni etiliche e da sostanze pericolose. I controlli a campione si sono focalizzati, in particolare, su una ventina di veicoli. Il risultato, però, in relazione al numero dei veicoli controllati ed ai soggetti risultati positivi, non è stato confortante rispetto a passati servizi.

Giovanissimi nei guai

Infatti, dai controlli compiuti, sono scaturite tre denunce per guida in stato di ebbrezza, come previsto dall’art. 186 C.d.s., tutte rientranti nella seconda fascia, cioè tra lo 0,8 e l’1,5 gr/lt, con conseguente ritiro della patente ai fini della sospensione.Una denuncia per l’art. 187 C.d.s. per guida in stato di alterazione psicofisica per uso di stupefacenti. Inoltre, sono state contestate amministrativamente le medesime condotte di guida, a due conducenti, di cui uno neopatentato. La prima poiché non superava lo 0,8 gr/lt, la seconda poiché il conducente avrebbe dovuto avere un tasso pari a 0,00 gr/lt.

Leggi anche:  Sorvegliato speciale senza fissa dimora si "trasferisce" al Pronto Soccorso del Manzoni

Tentativo di “fuga”

Da ultimo, tra i denunciati penalmente, c’è anche  chi non si è fermato all’alt degli agenti, adducendo quale scusante di non aver visto l’operatore, anche se munito di pettorina rifrangente.  A bordo dell’auto bloccata dopo un breve inseguimentgli agenti hanno trovato  una modica quantità di sostanza stupefacente pari a poco più di 5 gr., poi sequestrata amministrativamente.

Le raccomandazioni

“Ricordiamo che, al di fuori di alcune categorie di conducenti (es. i conducenti professionali durante l’espletamento della propria professione, ovvero i soggetti neopatentati), il livello di alcol presente nel sangue tollerato dal legislatore, ai fini di evitare di incorrere in sanzioni amministrative o penali, è pari a 0,5 gr/lt” fanno sapere dalla Polizia Stradale