Verranno celebrati domani, venerdì 13 aprile alle 15.30 a Somasca i funerali di padre Carlo Barera. L’amato sacerdote, conosciuto bel al di là dei confini del lecchese per la sua attività di esorcista, si è spento a 89 anni.

L’esorcista padre Carlo Barera

Originario di Casorezzo, in provincia di Milano, padre Barera, dopo l’ordinazione sacerdotale aveva prestato la sua opera a  Como, Treviso, Milano, Legnano, Mestre. Nel 1977 era giunto a Somasca e da allora era diventato una figura di riferimento nel luogo che fu la casa di san Gerolamo Emiliani. Tanti, tantissimi i fedeli che nel corso degli anni si sono rivolti a lui per una parola di conforto e non solo. Il sui compito di esorcista infatti lo aveva reso molto noto, ma padre Barera aveva sempre affrontato la sua lotta con il male con discrezione e devozione. Apparentemente burbero e duro nei modi, padre Berera aveva in realtà un cuore grande, oltre ovviamente ad una grande fede che lo aveva accompagnato per tutta la sua esistenza. Negli ultimi periodo, a causa delle precarie condizioni di salute, si era ritirato. Ma la sua preghiera non era mai venuta meno

Leggi anche:  Ancora un incidente sul lavoro, 53enne si ferisce gravemente a una mano

Gli esorcisti in Lombardia

Nel 2012 l’allora Arcivescovo di Milano Angelo Scola aveva raddoppiato il numero degli esorcisti nella diocesi ambrosiana: da 6 erano passati a 12. E in Curia era  stato creato un centralino per rispondere a chi cercava un esorcista. “Dalle domande che arrivano l’esigenza è anche raddoppiata –aveva spiegato Angelo Mascheroni, Vescovo ausiliare e responsabile del Collegio esorcisti dal 1995 – Giungono molte richieste di nomi, indirizzi e numeri di telefono… Per questo abbiamo attivato un centralino in Curia dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 17 (tel. 02.8556457). Chi ha bisogno può chiamare e troverà una persona che smista le segnalazioni sul territorio per evitare alle persone di affrontare lunghi viaggi”.

(foto Mario Stojanovic)