Il primo parlare di fototrappole contro gli incivili era stato Falvio Polano, presidente della Provincia di Lecco e sindaco di Malgrate. A scatenare la dura presa di posizione di Polano era stata i particolare proprio la maleducazione dei tanti cafoni che abbandonano rifiti sul lungolago malgratese e non solo. Ora anche il sindaco di Perledo Fernando De Giambattista ha deciso di “mutuare” il  provvedimento.

Tolleranza zero

“L’inciviltà dilagante e la maleducazione di quanti, dopo aver frequentato il nostro Comune, abbandonano i loro rifiuti in aree non idonee, merita, a giudizio di questa Amministrazione, una stretta” piega il primo cittadino. “Siamo alle porte del periodo di massimo afflusso turistico e l’immondizia, abbandonata in ogni angolo del nostro Comune, non è certo una bella cartolina di un paese che dovrebbe fare del turismo il proprio baluardo. Continuando di questo passo, dovranno essere adottati provvedimenti a cui non avremmo mai pensato di dover ricorrere, al fine di individuare e punire quei cittadini che, da tempo, infrangono le leggi e le regole del viver civile”.

Il sindaco “minaccia” di abolire la raccolta del vetro

“La stretta che ci vedremo costretti ad adottare se la situazione non si normalizzerà nelle prossime settimane, riguarderà anche l’abolizione di servizi che hanno reso finora la vita più agevole a tutti, quali, ad esempio, la raccolta del vetro nelle apposite campane, in quanto queste sono diventate molto spesso un punto di deposito di rifiuti indifferenziati, o il punto di stoccaggio, creato nella frazione di Vezio a causa della sua particolare geografia del tessuto viabilistico, che viene  però puntualmente utilizzato come discarica delle cose più impensate. Vi si trova ogni tipo di rifiuto, dal vetro ai materassi, rifiuti questi che dovrebbero essere depositati o in discarica o negli appositi raccoglitori del vetro”.

In arrivo le fototrappole

“Per identificare i colpevoli di questi abusi e dissuaderli dalla reiterazione di tali atteggiamenti, che provocano un danno di immagine all’intero Comune, nei prossimi giorni saranno posizionate delle foto trappole” conclude De Giambattista.