Sp65 chiusa da dicembre per una frana: la Provincia chiede aiuto alla Regione.

La frana del 13 dicembre

Nei giorni scorsi infatti  tecnici di Villa Locatelli hanno effettuato diverse ispezioni della parete rocciosa lungo la strada provinciale 65 di Esino. L’arteria  è chiusa al transito dal 13 dicembre nel tratto compreso tra il bivio del Cainallo e l’abitato di Parlasco. Ciò  a seguito di uno smottamento di roccia nel territorio comunale di Perledo.

Le verifiche

Dalle ispezioni effettuate è emerso che, al di là del materiale di circa 50 metri cubi riversatosi sulla sede stradale, il problema principale è rappresentato da un diedro roccioso incombente a monte di circa 300 metri cubi.

Serve la messa in sicurezza della parete

Pertanto, oltre allo sgombero del materiale dalla sede stradale, si rende necessario procedere al consolidamento e alla messa in sicurezza della parete rocciosa. Il tutto  attraverso la realizzazione di un muro in calcestruzzo di sostegno e di contenimento del grosso diedro incombente, ancorato in più punti con tiranti.

I costi

Il costo dell’intervento è stato stimato in circa 130 mila euro.  La Provincia di Lecco, come le altre Province italiane, sulla base della Finanziaria al momento non può approvare il Bilancio 2018, con forti limitazioni di utilizzo delle risorse e di impegno delle spese. La strada provinciale 65 rientra nell’elenco delle strade che, in base all’accordo firmato nel luglio scorso a Varenna, sono state trasferite a Regione Lombardia in attuazione del protocollo del 10 marzo 2017 con Anas per la gestione unitaria della rete stradale prioritaria nel territorio della Lombardia. Protocollo che prevede la manutenzione ordinaria e straordinaria a carico di Regione o di Anas, a seconda che le strade siano classificate come regionali o di interesse nazionale.

Leggi anche:  Emissioni in atmosfera: incontro con Confindustria Lecco Sondrio

Polano e Galbusera in campo

Il Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano e il Consigliere delegato Mauro Galbusera hanno pertanto inviato in oggi una comunicazione urgente a Regione Lombardia. Ciò in particolare  per chiedere di finanziare questi lavori:“La Provincia si impegna a redigere il progetto definitivo entro la fine della prossima settimana, a bandire la gara entro la fine di gennaio per arrivare all’aggiudicazione e all’avvio dei lavori entro la prima decade di marzo. Ma per far questo abbiamo la necessità di un finanziamento da parte di Regione Lombardia, a cui chiediamo una risposta in tempi brevi per risolvere questa situazione che sta provocando numerosi disagi alla popolazione e alle aziende costrette a lunghi percorsi alternativi”.

Un intervento che rischia di prosciugare Villa Locatelli

“La Provincia di Lecco ha trasferito a Regione Lombardia questa strada. E’ ritenuta strategica per il territorio, anche alla luce di Wikimania. Si tratta dell’evento di rilevanza internazionale che si è svolto nell’estate 2016. Se il finanziamento di questo intervento dovesse essere a totale carico del Bilancio provinciale andrebbe a prosciugare quasi interamente le risorse a disposizione per eventuali interventi che si renderebbero necessari nel corso del 2018”.