La scuola dell’infanzia delle Canossiane di Ballabio non chiuderà

Dal Comune un sostegno annuale di 11.500 euro

La Scuola dell’infanzia delle Madri Canossiane di Ballabio “San Gioacchino al Castello” proseguirà le sue importanti attività educative. Dall’Istituto religioso la conferma che non avverrà la paventata cessazione di un servizio che l’amministrazione comunale di Ballabio giudica di altissimo valore per il paese e a cui partecipa con un sostanzioso contribuito di 11.500 euro annui, grazie a una convenzione che il Comune ha stipulato nell’anno 2017.

La notizia di una possibile chiusura era arrivata a metà gennaio

La notizia di una possibile chiusura era stata comunicata a metà gennaio dalla superiora madre Maria Angela Moioli direttamente al sindaco Alessandra Consonni. L’amministrazione comunale si è attivata presso la sede centrale di Milano delle Canossiane, mentre in paese i cittadini hanno dato vita a una encomiabile mobilitazione, culminata in una petizione che ha raccolto oltre 500 firme.

La lettera del Comune

Nei giorni scorsi, dopo che l’assessore al Bilancio Giovanni Bruno Bussola e l’assessore comunale all’Istruzione Sara Gattinoni hanno incontrato i genitori, il sindaco e l’assessore all’Istruzione hanno indirizzato all’amministrazione milanese delle Madri Canossiane una comunicazione in cui, nel manifestare la soddisfazione e l’apprezzamento dell’amministrazione comunale per l’importante funzione educativa e sociale svolta a Ballabio dall’istituto, si ribadiva l’impegno reciproco assunto in virtù della convenzione. Consapevoli delle difficoltà e degli oneri incontrati dall’Istituto nell’erogare questo importante servizio al paese, l’amministrazione comunale esprime soddisfazione e gratitudine per la positiva risposta delle Madri Canossiane e ringrazia i cittadini che hanno saputo mobilitarsi in una causa così importante per l’intera comunità.