Puzza a Civate e Valmadrera: l’azienda “incriminata” promette di intervenire. Lo annuncia il sindaco di Civate Baldassare Mauri.

Stop alla puzza a Civate e Valmadrera

 

Il 28 maggio  si è tenuto  negli Uffici della Provincia di Lecco un incontro tecnico, richiesto dall’azienda IPPC Adda Ondulati S.p.A., nel corso del quale la Ditta ha provveduto ad illustrare il progetto esecutivo di ampliamento dell’impianto di depurazione aziendaleper la riattivazione dello scarico industriale in fognatura” spiega Mauri. “Ciò per risolvere le problematiche di molestie olfattive”. Il problema in zona si trascina infatti da tempo.

 

Gli interventi

“La società specializzata ed incaricata, ha confermato che la realizzazione dell’impianto illustrato e la conseguente riattivazione dello scarico in fognatura delle acque di processo porteranno ad una drastica riduzione delle emissioni olfattive decadenti dall’impianto” prosegue il primo cittadino. Ai fini della realizzazione dell’impianto l’azienda Adda Ondulati procederà in tempi brevi a presentare ai vari Enti interessati le necessarie richieste di autorizzazione. I tempi di realizzazione del depuratore vengono stimati in 90 giorni dal rilascio delle relative autorizzazioni”.

L’impegno dell’azienda

“Nel frattempo l’Azienda si impegna a potenziare le soluzioni per il contenimento delle molestie olfattive alla luce anche dei risultati dell’indagine olfattometrica presentata: smaltimento con frequenza maggiore di parte delle acque di processo e inoculo di sostanze battericide” conclude Mauri. “Il Comune non mancherà di monitorare costantemente l’evolversi della situazione in stretta collaborazione con i vari Enti interessati”.