Inizia a prendere forma il progetto della piscina in Valsassina. Una bozza del piano di lavoro è stata ufficialmente presentata ieri, mercoledì 7 marzo davanti a 15 Sindaci e delegati dei Comuni della Valle. La proposta è stata  avanzata tempo fa da alcuni primi cittadini. Quindi  è seguito uno studio di fattibilità non solo per la costruzione dell’impianto, che dovrebbe sorgere a Introbio,  ma anche per le ipotesi gestionali.

Piscina in Valsassina

“La società selezionata (La Mercurio) ha elaborato un’ipotesi progettuale (che prevederebbe costi di investimento per circa 2 milioni). Ma soprattutto ha fatto alcune ipotesi gestionali attraverso la valutazione dell’appetibilità per partner privati” si legge in una nota dell’Ufficio Ambiente Ecologia della Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d’Esino e Riviera. Positive le reazioni alla presentazione. “I risultati  sono stati confortanti sul fronte dell’alto interesse delle comunità locali (testate con indagini ad hoc). E nche  della possibile individuazione di un gestore. Ciò perchè il budget annuale risulterebbe positivo e quindi attraente” prosegue la nota. “Resta il problema dell’investimento che, in mancanza di fondi, potrebbe essere ripartito sui comuni attraverso un canone annuale da versare al gestore selezionato che si occuperebbe dell’investimento”.

Il commento di Signorelli

“Siamo positivamente impressionati del prezioso lavoro svolto dai consulenti” ha dichiarato il Presidente della Comunità Montana Carlo Signorelli. “La parola passa ora ai singoli comuni che dovranno valutare la disponibilità all’operazione. Se l’adesione fosse larga e si potessero reperire risorse non vincolate da altri enti per coprire parte dell’investimento la quota annuale dei comuni potrebbe essere di 5/6 euro per abitante all’anno, un costo non eccessivo per la funzione sociale, soprattutto nell’infanzia, che una piscina potrebbe svolgere. La Comunità Montana continuerà il suo ruolo di coordinamento dell’iniziativa scrivendo anche ai Sindaci non presenti, valutando la disponibilità di fondi esterni e quantificando nel prossimo mese le adesioni iniziali all’operazione”.