Molestie sul lavoro: campagna del sindacato. La Fim Monza Brianza Lecco infatti  promuove una campagna di sensibilizzazione. Come ? Coinvolgendo delegati Rsu, aziende e associazioni imprenditoriali, condividendo e sottoscrivendo una dichiarazione congiunta su molestie e violenza nei luoghi di lavoro. L’iniziativa arriva dopo la recente apertura proprio a Lecco di uno sportello antiviolenza promosso proprio dalla Cisl.

Molestie sul lavoro: i numeri

I dati Istat evidenziano che una donna su 6 è oggetto di molestie da parte di colleghi, capi, datori di lavoro. In 167 mila hanno subito ricatti sessuali per essere assunte, per mantenere il lavoro o per progressioni di carriere. Oltre l’80% non ne parla con nessuno, qualcuna condivide il problema con colleghi, ancora meno con datori di lavoro (4,1%) o dirigenti (3,3%). Pochissime con i sindacati (1,0%). Quasi nessuna fa denuncia.

La dichiarazione congiunta

“Nell’azienda – si legge nella dichiarazione congiunta che la Fim propone alle imprese – tutti hanno il dovere di collaborare al mantenimento di un ambiente di lavoro in cui sia rispettata la dignità di ognuno e siano favorite le relazioni interpersonali, basate sui principi di eguaglianza e di reciproca correttezza , anche in attuazione dell’accordo delle parti sociali europee del 26 aprile 2007”.