Matteo Bonanomi dal campo di Basket al Cern di Ginevra.

Grande canestro al Cern di Ginevra

Da Calolziocorte a Ginevra, dal campo in parquet del PalaButta del Lavello al CERN. Il balzo di Matteo Bonanomi, calolziese doc, è un doppio carpiato con grado di difficoltà 3.5. Un salto nel, potenziale, futuro. Bonanomi è nato e cresciuto a Calolzio, con due passioni: la pallacanestro è la fisica. Una l’ha portato a disputare la carriera giov anile nella Carpe Diem e poi ad allenare, la seconda a laurearsi a pieni voti nella triennale e vincere un bando per poter proseguire – per un periodo – i suoi studi di fisica delle particelle al CERN di Ginevra.

Basket e fisica

“Sono un fisico appassionato e rigoroso, con grande dedizione, e un allenatore comprensivo, in grado di creare un ottimo rapporto coi giocatori che ho in squadra».

Intervista completa sul  Giornale di Lecco in edicola dal 16 aprile. Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store.