E’ successo ieri sul diretto delle 18.20 da Centrale. “Trenord inarrivabile. Nel senso che in qualche stazione non ci arriva proprio…”

Il treno salta una stazione

Il treno che rallenta all’approssimarsi delle banchine. I passeggeri calolziesi che iniziano a portarsi verso le porte degli scompartimenti e… sopresa! Il treno riaccelera senza fermarsi. E’ accaduto ieri sul diretto delle 18.20, che ha saltato di netto la stazione di Calolziocorte (prevista dalla tratta e dall’annuncio). Ovvio e immaginabile il totale sbigottimento dei passeggeri.

L’ironia social

Tra chi ha commentato l’accaduto c’è anche il consigliere comunale di Lecco Filippo Boscagli. “Trenord ci ha abituati a tutto. Su molti aspetti è inarrivabile, infatti molto spesso, come a Calolzio, non ci arriva proprio”. E ancora: “Finalmente noi lecchesi vediamo realizzarsi il sogno di un vero diretto: Lecco – Milano. Non resta che tagliar fuori anche Monza e ci siamo”.

L’ennesimo disservizio

La paradossale vicenda di ieri (che fa sorridere se non ci fossero di mezzo persone che quotidianamente subiscono disagi) è l’ennesimo esempio di quanto la linea Lecco Milano sia “disgraziata”. Ritardi e cancellazioni sono praticamente all’ordine del giorno. Per non parlare dei guasti. Putroppo è notizia di ieri che dei 35 milioni messi a disposizione da Regione Lombardia per l’acquisto di nuovi treni nel triennio 2018-2020, ben 9,5 milioni sono stati spostati al bilancio 2021. Cosa che ha fatto scattare non poca rabbia e indignazione (leggi qui le reazioni)