La concessione del centro sportivo all’Asd «Il Giunco» non soddisfa l’Amministrazione e da oggi non è più un mistero.

Problemi con Il Giunco

Il problema è emerso in tutta chiarezza durante l’assise di giovedì, anche su sollecitazione delle domande della minoranza capitanata da Mauro Sala. Il capogruppo ha infatti preso spunto dall’illustrazione del rendiconto della gestione dell’anno 2017 per avere aggiornamenti riguardo i rapporti tra l’associazione sportiva e l’Amministrazione.
«Ci dovete dire con chiarezza e una volta per tutte la verità sui lavori al centro sportivo. Vogliamo notizie certe sull’operato del Giunco» ha infatti incalzato Sala con determinazione.

L’intervento del sindaco

A prendere la parola in risposta è stato proprio il sindaco Stefano Fumagalli che senza esitazione ha subito palesato il proprio malcontento riguardo l’attuale gestione. «A dicembre l’associazione aveva chiesto una proroga fino a giugno per ultimare i lavori, che ad oggi risultano sospesi – ha esordito il primo cittadino – Abbiamo chiesto informazioni definitive al gestore, che ci ha assicurato che intende proseguire e che l’intervento sarà portato a termine entro il 30 giugno. Ribadisco però che al momento è ancora tutto fermo».
I lavori per rinnovare palestra, spogliatoi e campi hanno in realtà già ricevuto una proroga, in quanto non erano stati terminati nei tempi pattuiti. «Manca soltanto il 10% di quanto previsto dalla gestione, staremo a vedere» ha proseguito Fumagalli.

Il parere della minoranza

Ma Sala non molla il colpo. «Ma se non dovessero essere terminati entro la scadenza della concessione, vi sarà un’ulteriore proroga?» ha infatti chiesto, affondando nuovamente il colpo. «Manca davvero poco perché i lavori siano terminati e da qui a giugno c’è tempo. Se allo scadere dei termini resterà da fare ancora l’uno per cento dell’intervento possiamo essere disponibili, se i lavori invece saranno ancora fermi allo stato attuale non concederemo nessuna proroga» ha sentenziato il primo cittadino.

Leggi anche:  Approvate le nuove ZPRU di Lecco LE TARIFFE

Area cani allo sbando

Sala e Alberto Bonanomi hanno poi portato sui tavoli dell’aula consiliare una polemica partita su Facebook e dilagata anche per le vie del paese. Sul gruppo «Sei di Lomagna se» alcuni utenti avevano infatti segnalato il mancato taglio dell’erba dell’area cani e la cattiva gestione del parco giochi, poco curato. «Si entra con un bassotto e si rischia di non trovarlo più» ha ironizzato Sala destando una risata generale. Fumagalli, ancora una volta, ha risposto in tutta onestà: «Finché pioveva non si poteva tagliare l’erba, ma c’è stato anche qualcosa che non ha funzionato, delle carenze. Non sono soddisfatto nemmeno di questo».

“La concessione così non va!”

E incalzato ancora una volta da Sala, il primo cittadino ha concluso amareggiato: «Non siamo certo felici di come stanno andando le cose, non ne faccio mistero. Non sono per nulla contento del centro, di come sta lavorando, delle condizioni in cui versa attualmente e dell’immagine che quel cantiere aperto ma fermo dà del nostro paese. Abbiamo fatto vari richiami, la concessione così non va!».
Non resta altro da fare, quindi, che attendere una risposta da parte dell’Asd «Il Giunco» o, almeno, la fine dei lavori.