40 alunni delle classi terze di cucina e pasticceria del CFPA di Casargo hanno visitato la scuola internazionale di cucina italiana ALMA di Colorno (Parma), accompagnati dal presidente di APAF Nunzio Marcelli e da Marco Galbiati, papà dell’indimenticato Riccardo Galbiati  “chef Galbia”, dai docenti Andrea Riva e Antonio De Marco.

 Cfpa  in trasferta

ALMA è il più autorevole centro di formazione della cucina italiana a livello internazionale, forma cuochi, pasticceri, sommelier, manager di sala e della ristorazione provenienti da ogni Paese per farne veri professionisti grazie ai programmi di alto livello realizzati con gli insegnanti più autorevoli, ha sede nel Palazzo Ducale di Colorno (Parma) e dispone delle più aggiornate attrezzature didattiche di cucina, pasticceria e sommellerie.

La visita

Dopo una breve introduzione sulla storia della scuola, sugli spazi, sul personale, sulle attività di formazione e sugli allievi, a cura della responsabile marketing e del direttore didattico Matteo Berti, la comitiva di Casargo ha visitato alcune aule, laboratori, cucine e ha potuto ascoltare l’esperienza vissuta e le importanti regole da adottare dopo la scelta della professione di chef, l’importanza della manualità, del percepire profumi e sapori, la rigida applicazione delle regole nell’esercizio della professione.

Le ricette

Quindi in un’aula didattica il docente chef Piero Di Turi ha illustrato, preparato e impiattato due ricette personalizzate: tagliatelle alla carbonara di polpo e ricci di mare, filetto di vitello in crosta di sale con pomodori secchi, basilico e salsa al pepe di Sichuan, con grande soddisfazione degli studenti e applauso finale allo chef.

Leggi anche:  Sentiero Passo del Lupo, 30 giovani volontari al lavoro per ripulirlo

Giornata intensa

La delegazione valsassinese ha poi pranzato presso la struttura del ristorante Alma con il direttore generale Andrea Sinigaglia, ex docente del CFPA di Casargo negli anni 2000, e successivamente ha visitato altri spazi dedicati alle attività didattiche e formative. Nel pomeriggio spazio alla visita all’azienda Al Vedel, che produce il famoso Culatello di Zibello: il proprietario, con alcuni suoi collaboratori, ha guidato la comitiva nello spazio di stoccaggio e ha illustrato il processo di selezione, preparazione, conservazione e verifiche dei famosi salumi.

Nunio Marcelli

“E’ stata un’esperienza molto interessante – commenta il presidente di APAF Nunzio Marcelliche ci ha consentito di vedere con i nostri occhi una importantissima realtà, vanto del nostro Paese e che tutto il Mondo ci invidia. Un doveroso ringraziamento ai responsabili della scuola e a Marco Galbiati, che hanno reso possibile questa visita molto utile e formativa per i nostri alunni e docenti. Il prossimo 19 aprile è programmata una nuova visita con gli alunni delle classi quarte e quinte”.