«Posso senz’altro dire di essere soddisfatto che lunedì, finalmente, ripartano i lavori per la Caserma dei Carabinieri di Oggiono. Il  risultato è frutto di un lavoro portato avanti per tutta la scorsa Legislatura. Un lavoro che mi ha visto impegnato anche in questi ultimi giorni nel sollecitare Ministero e Provveditorato. Ciò affinché il cantiere venisse finalmente sbloccato». A parlare è Gian Mario Fragomeli, parlamentare lecchese del Partito Democratico.

Caserma dei Carabinieri di Oggiono

«Anche gli ultimi passaggi burocratici vale a dire aggiudicazione, firma del contratto e consegna dei lavori, sembravano contraddistinti da una scansione temporale dagli intervalli decisamente eccessivi, tali da rendere problematico arrivare a un qualsiasi tipo di programmazione. Le ultime sollecitazioni, pur in presenza di un ennesimo ricorso in Consiglio di Stato, hanno permesso di definire finalmente la data di riapertura del cantiere. Si è trattato» sottolinea «di un lavoro di squadra con il Sindaco Ferrari, adesso collega alla Camera, ma anche con la minoranza consigliare di Oggiono e con il consigliere regionale Raffaele Straniero».

Leggi anche:  Traffico infernale alla rotonda delle scuole: i ragazzi rischiano la vita

Sicurezza al primo posto

«Da parte mia» conclude Fragomeli «ho ritenuto indispensabile intervenire da subito nella questione. Quando si parla di sicurezza sul territorio, non è accettabile che i tempi si dilatino in questo modo e pregiudichino la piena operatività di un presidio di legalità quale una Caserma dell’Arma».