E’ in corso in questi istanti l’ennesimo presidio dei lavoratori Aerosol per chiedere chiarezza e giustizia.

Prosegue la protesta dei lavoratori e delle lavoratrici Aerosol

Dopo l’assemblea del 6 febbraio scorso  dipendenti dell’azienda valmadrerese hanno organizzato un picchetto sotto gli uffici della Provincia di Lecco dove si sta svolgendo un incontro. Incontro richiesto dal sindaco di Valmadrera Donatella Crippa. Vi  stanno partecipando le tre sigle sindacali e dell’rsu, il primo cittadino valmadrerese accompagnato dall’assessore Antonio Rusconi,  i rappresentanti di Villa Locatelli e Giovanni Bartoli, l’ad di Seconda Investimenti, la società che controlla Aerosol.

La proprietà

Bartoli, rappresentante della proprietà, si è presentato all’appuntamento con circa tre quarti d’ora di ritardo Ad attenderlo c’erano circa 40 lavoratori che speravano di avere da lui qualche chiarimento. Invece l’amministratore è letteralmente “sgusciato”  all’interno degli uffici senza fermarsi a interagire con uomini e donne che stavano manifestando.

Il sindaco

In “ballo” ancora diverse mensilità arretrate. “Ci sono settantacinque famiglie che guardano preoccupate alla  situazione” aveva  ricordato  il sindaco di Valmadrera Donatella Crippa durante l’assemblea del 6 febbraio, durante al quale aveva annunciato la richiesta di un nuovo incontro, quello appunto di oggi. “Ha dato molto fastidio il fatto che all’ultimo incontro in Provincia la proprietà abbia assicurato che avrebbe pagato gli arretrati e che da lì sarebbe ripartita. I lavoratori sono stati bravi a venire incontro alla loro azienda. Dall’altra parte hanno trovato invece un muro. Adesso vorremmo almeno sapere se la possibilità di vedere Aerosol ripartire è qualcosa di realistico o se si sta giocando…”.

Leggi anche:  Ticket sanitari approvata la riduzione ecco cosa cambia