Diritti umani e volontariato: saranno questi i temi della serata in programma il prossimo 30 maggio a Calolzio.

Non si spegne il ricordo di Vik

Una serata con Egidia Beretta storico sindaco di Bulciago  la mamma del pacifista  Vittorio Arrigoni, il cui anniversario di scomparsa è stato “celebrato” anche in palestina solo poche settimane fa.  Ad organizzare l’importante appuntamento, che si svolgerà al Monastero del Lavello a partire dalle 20.45 sono il gruppo Lezioni al campo – circolo Arci e Fondazione Monastero di Santa Maria del Lavello. Alla serata prenderà parte anche il professor Luigi Gilberti.

Lezioni al Campo

Il gruppo sorge spontaneamente nel 2015 con un obiettivo :creare una scuola d’italiano, gratuita, per i ragazzi del campo profughi  di  Lecco. “Siamo partiti in pochi, uniti dalla stessa professione, quella di insegnante, e dallo stesso desiderio, fare qualcosa per gli ultimi – spiegano i vlontari in rete –  Alcuni di noi erano già amici, altri, che non si erano mai incontrati prima, lo sono diventati poi. Siamo man mano cresciuti di numero e di entusiasmo. Come una piccola palla di neve che lungo il percorso cresce, ma senza fare troppo rumore. Nel gennaio 2017 ci siamo costituiti formalmente in associazione, Onlus, per poter avere un maggior riconoscimento e accedere a finanziamenti e bandi, e ad oggi contiamo una cinquantina di iscritti, tra volontari attivi e sostenitori”.

Le attività

“Il nostro primo obiettivo continua ad essere l’apprendimento dell’italiano, fondamentale per una prima integrazione, ma non ci fermiamo a quello. Abbiamo organizzato un gruppo di cammino per andare a scoprire il territorio, le montagne, il lago, i luoghi significativi della città, e poi momenti di svago, tornei sportivi e laboratori musicali. Abbiamo anche organizzato momenti di incontro con la comunità locale, interventi nelle scuole, eventi divulgativi, progetti per favorire l’integrazione e la conoscenza reciproca, come il progetto “Natale in famiglia”, che ha visto 300 profughi ospitati a cena nelle case delle famiglie lecchesi”.

Leggi anche:  Incredibile: sepoltura negata a una monaca al cimitero

La formazione

“Ci stiamo occupando anche della formazione successiva all’alfabetizzazione italiana, la preparazione per la scuola media, i corsi professionalizzanti. Aiutiamo i ragazzi a scrivere il curriculum, a cercare un lavoro. E vedere alcuni di loro che oggi hanno un lavoro e si stanno ricostruendo una vita, ricordandoli come sono arrivati giusto due anni fa, senza conoscere una parola di italiano, senza soldi, senza un amico o un parente sul territorio che li potesse “raccomandare”, ci riempie di gioia e di orgoglio per il lavoro svolto”.

Una famiglia

“La possibilità di accedere a un corso di italiano è di fondamentale importanza per chi si trova in un paese straniero. La conoscenza della lingua permette di esprimersi, comprendere e comunicare nel nostro contesto di vita ed è elemento basilare per avviare e promuovere processi di integrazione.
Ma Lezioni al Campo non è solo una scuola. Siamo come una famiglia, un luogo di incontro dove ci si sente sempre accolti, ascoltati. Dove si può trovare un aiuto concreto o anche solo delle parole di incoraggiamento nei momenti più difficili”.
Per ulteriori informazioni lezionialcampo@gmail.com