Cassago Chiama Chernobyl sta vivendo delle festività natalizie davvero speciali. Sono tante infatti le attività che il sodalizio presieduto da Armando Crippa ha organizzato in questi giorni. Ovviamente insieme ai bimbi ucraini che sono stati ospitati dalle famiglie brianzole.

Cassago Chiama Chernobyl tantissime attività

Il 16 dicembre è stata infatti inaugurata la mostra delle opere pittoriche eseguite dai bambini di Chernobyl durante le vacanze in Italia dello scorso Natale. L’esposizione “Affetti Colori Emozioni dei Bambini di Chernobyl” si è tenuta presso il Consolato Ucraino a Milano. E la mostra, patrocinata dal Comune di Cassago, è rimasta aperta fino a mercoledì 27 dicembre per consentire ai bambini arrivati il 20 dicembre e alle famiglie ospitanti di poterla ammirare. I bambini sono infatti gli stessi che hanno effettuato i disegni, hanno avuto così l’opportunità di ammirarli esposti nel salone del loro Consolato. Il prossimo appuntamento è per la festa della Befana, che si terrà il prossimo 5 gennaio sempre presso l’Istituto Sant’Antonio. Durante la festa verrà consegnata  a tutti i bambini la tradizionale calza e verranno estratti o numeri vincenti della nostra ricca sottoscrizione a premi.

Leggi anche:  Palmisano presenta Mafia Caporale a Lecco

Raccolta firme per il popolo ucraino

Prosegue inoltre la raccolta firme promossa dal sodalizio di Cassago per il riconoscimento dell’eccidio che la popolazione Ucraina ha subito la più grande tragedia della sua storia per mano dell’Unione Sovietica negli anni 1932/1933. In due anni morirono oltre 7 milioni di persone per fame: purtroppo questa tragedia è poco conosciuta, con questa raccolta di firme il popolo ucraino chiede al governo che questa pagina di storia venga riconosciuta come crimine contro l’umanità al pari degli ebrei e degli armeni.