Caso Del Boca questa mattina l’udienza in tribunale a Lecco. Fallito ogni tentativo di conciliazione tra le parti, il giudice del lavoro ha fissato per giugno l’audizione dei testimoni.

Caso Del Boca fallito il tentativo di conciliazione

Si è tenuta questa mattina nell’ufficio del giudice del lavoro in tribunale a Lecco l’udienza del ricorso presentato dal dottor Gregorio Del Boca contro il provvedimento di sospensione disposto nei suoi confronti dall’Asst di Lecco.  Appurata l’impossibilità di addivenire ad un accordo tra le parti, il giudice ha deliberato di fissare a giugno l’audizione dei testimoni. Troppo distanti dunque le proposte di conciliazione presentate dagli avvocati di parte, per considerare chiusa la vertenza legale.

Il provvedimento di sospensione nel novembre scorso

Come si ricorderà l’Ufficio provvedimenti disciplinari dell’Asst di Lecco aveva sospeso il primario dell’Ostetricia del Mandic per  due mesi. L’accusa era di aver usato in maniera impropria le sale operatorie, sforando gli orari imposti per il funzionamento del blocco operatorio. A finire sotto inchiesta con lui era stato inoltre anche il direttore sanitario Gedeone Baraldo, attualmente alla direzione del Manzoni di Lecco, ma all’epoca dei fatti contestati direttore del presidio cittadino. Per lui l’Ufficio Provvedimenti disciplinari aveva disposto una sospensione di 15 giorni.

Leggi anche:  La banda sociale cerca casa

Dopo la sollevazione del territorio, la sospensione della “punizione”

Il provvedimento aveva sollevato una levata di scudi in tutto il territorio a difesa del primario e del Mandic. Le polemiche erano cessate solo dopo che il direttore generale dell’Asst di Lecco Stefano Manfredi aveva deciso di accogliere la richiesta di differire l’applicazione della sospensione in attesa appunto del pronunciamento del giudice del lavoro, cui il professionista si è rivolto.