Area Leuci : «Dopo la segnalazione del Coordinamento Nazionale Amianto il Ministero ha chiesto alle istituzioni locali di affrontare il problema».  L’ultimo aggiornamento sulla “bomba ecologica” dell’ex stabilimento di via XI Febbraio a Lecco arriva dal Gruppo Aiuto Mesotelioma. «Lo scorso 28 febbraio il Ministero dell’Ambiente ha inviato una comunicazione al Comune di Lecco, a Regione Lombardia e all’Agenzia di Tutela della Salute (ATS) della Brianza con la quale chiede ai diversi enti di adottare iniziative per tutelare la salute dei cittadini in merito alla ben nota presenza di amianto sulle coperture dell’ex stabilimento della Leuci» fa sapere il sodalizio.

Area Leuci , chiesti lumi a Comune, Regione e Ats

«Il merito è anche dell’associazione Gruppo Aiuto Mesotelioma che, dopo le segnalazioni dei media locali e dei residenti nella zona di via IX Febbraio, ha denunciato la situazione al Coordinamento Nazionale Amianto (CNA) che raccoglie su tutto il livello nazionale le diverse associazioni impegnate nella battaglia contro l’eternit e contro il mesotelioma» rivendica il Gam guidato da Cinzia Manzoni .

«A seguito del nostro avviso, il presidente nazionale Salvatore Nania ha contattato tutte le istituzioni competenti. Il sindaco di Lecco Virginio Brivio e gli assessori Ezio Venturini e Francesca Bonacina, ma anche il ministro della salute Beatrice Lorenzin e il ministro dell’ambiente Gianluca Galletti. Poi la Provincia di Lecco, la Prefettura, i Carabinieri e Regione Lombardia. A tutti loro abbiamo chiesto di adoperarsi affinché sia rispettata l’ordinanza sindacale del 26 giugno scorso. Il provvedimento che impone alla proprietà la bonifica dell’intera area. Il nostro appello non è per fortuna caduto nel vuoto. Dopo due settimane abbiamo avuto risposta direttamente dal Ministero dell’Ambiente che chiede a tutti gli Enti di effettuare le verifiche del caso».

Leggi anche:  A Germanedo una targa dedicata al V Reggimento alpini

Ex Leuci non è nella mappatura dell’amianto

«Inoltre il Ministero ha confermato come l’ex Leuci, nonostante la presenza dell’eternit sia ben nota a tutti i lecchesi, non risulta inclusa nella mappatura amianto trasmessa dalla Regione Lombardia (aggiornamento 2016)» ha commentato Cinzia Manzoni.
«Ancora una volta torniamo ad occuparci dell’ex Leuci. Notiamo che c’è molta attenzione sulla vicenda, da parte delle istituzioni oltre che dei residenti. Lasciare una bomba ecologica e sanitaria come quella in pieno centro città è semplicemente da incoscienti. Speriamo che l’interessamento del Ministero non rimanga inascoltato».

Gruppo Aiuto Mesotelioma

L’associazione ogni mercoledì è presente presso il Comune di Lecco dove ha attivato lo “Sportello amianto”. Qui qualunque cittadino può trovare  tutte le informazioni di cui ha bisogno in merito sia alla bonifica dell’eternit che ai rischi sanitari legati al mesotelioma. La patologia  può comparire anche a decenni di distanza dall’esposizione al materiale.

Il Gruppo Aiuto Mesotelioma rinnova infine l’invito a partecipare allo spettacolo di musica jazz “Pinocchio e altri racconti” che si terrà venerdì 9 marzo, alle ore 21, all’Auditorium M. Ghisla (in via alle Torri).