Applausi per Matilde giovane campionessa paralimpica. Galbiate e Oggiono esultano per l’ennesima meritata conquista della giovanissima Matilde Spreafico. Una giovane che è soprattutto un esempio da imitare.

Matilde Spreafico

Nata nel 2000 con una malformazione, la spina bifida, frequenta la quarta liceo scientifico all’Istituto Bachelet di Oggiono. Segni particolari? La passione per lo sport e  in particolare per le grandi sfide. L’ultima quindi la convocazione ai Campionati Mondiali paralimpici di Scherma a Roma. Cresciuta alle pendici del Barro, Spreafico è una galbiatese doc malgrado dal 2008 abiti a Oggiono.

Grande determinazione

“La mia palestra è una scuola di vita e valori” racconta Matilde. “La passione per la disciplina e i valori sono un punto di unione incredibile. Per me la scherma è un metodo di sfogo, mi serve per togliere la corazza e liberare le emozioni”.

Tutti orgogliosi di lei

“E’ una ragazza incredibile e attiva” commenta il presidente dell’Asd Galbiate 1974 Luigi Panzeri. “Saperla a rappresentare l’Italia a un mondiale ci riempie di orgoglio e onore a livello sportivo ma anche umano. E’ impossibile non voler bene a Matilde”.

Leggi anche:  Malore in stazione, soccorso 53enne

 

Una pagina speciale dedicata alla grande Matilde sul Giornale di Lecco in edicola da lunedì 20 novembre